Consulenza Creditizia

NSA è il primo mediatore creditizio per le imprese italiane per fatturato, è vigilato dalla Banca d’Italia tramite l’OAM art. 128 terdecies T.U.B. (NSA SRL - N. M360).

NSA svolge attività di mediazione creditizia dal 2001, in qualità di business partner delle imprese alla ricerca delle migliori opportunità di finanziamento e degli istituti bancari con necessità di sviluppo commerciale sul territorio italiano.

Grazie alla elevata specializzazione di oltre 200 dipendenti, NSA ha sviluppato un rapporto privilegiato con istituti di credito e imprese che gli è valso la leadership di mercato tra le società private del settore.

Per le banche, NSA rappresenta un intermediario privilegiato, grazie alla sua comprovata capacità di analisi delle imprese clienti, che avvicina di molto allo zero le possibilità di insolvenza.

Per le imprese NSA è un consulente attento e sempre presente, capace di esaminare in tempo reale le migliori garanzie e condizioni di mercato e assicurare al cliente le soluzioni più vantaggiose. L’operatività di NSA si distingue per qualità e trasparenza: al cliente non viene chiesto alcun onere economico fino all’avvenuta erogazione di un finanziamento e il cliente ha facoltà (prima dell’avvenuta erogazione) di revocare l’incarico in qualsiasi momento e senza penali.

UN "PONTE" TRA BANCA E IMPRESA


NSA facilita il dialogo e semplifica la comunicazione fra banca e impresa.

NSA raccoglie ed elabora le informazioni necessarie alla valutazione del merito creditizio e le restituisce alle banche nella forma più corretta ed efficace, che permette alla banca di erogare un finanziamento con tempistiche significativamente ridotte.

CHI SONO I CLIENTI NSA


NSA si rivolge a qualsiasi impresa presente sul territorio nazionale che, a prescindere del settore in cui operi, necessiti di finanziamenti bancari per l’operatività di tutti i giorni o per procedere a nuovi investimenti.

SERVIZI NSA




Analizza le esigenze dell’impresa
Mantiene costanti rapporti e interazioni con gli istituti di credito per assicurare al cliente le migliori condizioni di mercato e tempi rapidi di risposta
Elabora un “report d’impresa” dettagliato e approfondito con tutte le informazioni e i dati utili alla banca per erogare il finanziamento
Predispone la domanda di accesso al Fondo Centrale di Garanzia dello Stato (ex lege 662/96): fondamentale per agevolare l’eventuale erogazione

Per saperne di più:


COS’È IL FONDO DI GARANZIA DELLO STATO?


Il Fondo Centrale di Garanzia è uno strumento agevolativo dello Stato Italiano. È gestito da Banca del Mezzogiorno MedioCredito Centrale Spa (gruppo Invitalia) la quale svolge tutte le attività necessarie all’operatività nei confronti di banche e imprese.

CHE TIPO DI GARANZIE FORNISCE IL FONDO?


Il Fondo eroga alle Banche richiedenti una garanzia che si può configurare come fideiussoria.

La garanzia per le Banche ha un valore molto elevato perché la sua ponderazione è ZERO. Questo consente di liberare risorse e facilitare quindi l’accesso al credito delle PMI.

La copertura della garanzia va da un minimo del 30% a un massimo dell'80%. La copertura massima per ogni PMI corrisponde a 2.500.000 €.

Se una impresa si trova al nord Italia, in Lombardia, potrebbe fruire di una garanzia di 1.500.000 di €, che porterebbe a un finanziamento di 3.000.000 di €.

La garanzia ha un costo che va da un minimo dello 0,25% a un massimo dell’1%. Tale costo viene calcolato sulla quota garantita ed è UNA TANTUM, cioè si paga una volta sola all’erogazione del finanziamento. Normalmente lo paga la Banca e lo ricarica nelle commissioni di istruttoria a carico dell’impresa. Sono inoltre previsti dei casi in cui tale costo non è previsto (es. imprese femminili, start-up innovative, PMI innovative, settore trasporti, sud Italia, ...).

QUALI REQUISITI DEVE AVERE UN’IMPRESA PER ACCEDERE AL FONDO DI GARANZIA DELLO STATO?



Le imprese devono essere valutate economicamente e finanziariamente sane sulla base dei criteri contenuti nelle Disposizioni Operative del Fondo.

In via del tutto esemplificati e non esaustiva, le imprese devono presentare alcuni indici di bilancio (economici e patrimoniali) che ne consentono l’accesso. Gli indici variano principalmente in funzione del settore di appartenenza dell’impresa e della forma giuridica

Sono ammissibili le operazioni finanziarie direttamente finalizzate all'attività d'impresa (es. investimenti materiali, immateriali, liquidità per pagamento fornitori o pagamento delle spese per il personale, ...).

COME SI ACCEDE AL FONDO DI GARANZIA DELLO STATO



Le imprese (soggetti beneficiari) NON POSSONO fare direttamente domanda di accesso al Fondo, ma devono rivolgersi a un intermediario abilitato oppure a una Banca (soggetti richiedenti).

Fanno eccezione le operazioni di microcredito e le operazioni a valere sulla sezione speciale per l'imprenditoria femminile: in questi casi le imprese possono prenotare da sé la garanzia, ma per la richiesta effettiva si devono poi rivolgere alla propria Banca.
SCONTATO PROTEGGEREWikinsa